SAI AMBIENTE - Rimozione amianto

Cosa si intende con il termine amianto? Si tratta di un minerale, di un silicato per la precisione, largamente utilizzato prima degli anni '90 nel settore dell'edilizia. Le sue qualità sono la resistenza alle alte temperature: è il materiale antincendio per eccellenza.Prima di essere stato bandito in quanto cancerogeno, era utilizzato per la produzione di facciate, tubature, rivestimenti, pavimenti, tettoie e materiale di riempimento. Si evince, quindi, quanto l'eternit sia stato di largo impiego, prima di essere ritenuto altamente dannoso per la salute dell'uomo.

Non è difficile scoprire la presenza di amianto all'interno della casa o di un qualsiasi edificio. Prima di tutto, è necessario risalire all'epoca della costruzione dell'immobile: se si tratta degli anni precedenti al 1990, è pressoché sicuro ci siano delle parti di amianto.

È in data 27 Marzo del 1992 che questo materiale viene definitivamente bandito dall'edilizia, in quanto fortemente nocivo e tossico per la salute dell'individuo. Bisogna specificare una netta differenza tra l'amianto compatto, meno pericoloso perché più saldo, e quello friabile ed usurato che rilascia nell'atmosfera delle fibre sottilissime ed impercettibili. Respirando questi filamenti, l'organismo a lungo andare si intossica e possono palesarsi dei tumori respiratori incurabili.
È bene, quindi, assicurarsi dell'assenza totale di amianto prima di procedere a comprare casa.

A chi rivolgersi? Prima di tutto ci si può avvalere della consulenza e dell'assistenza dell'ASL o dell'ARPA della propria città. Una volta preso in considerazione l'immobile, si agisce in loco con degli specifici lavori di bonifica e di risanamento della zona. A causa della difficoltà dell'opera e del personale che necessita di strumenti e protezioni di ultima generazione, i costi sono molto elevati e spesso il problema viene accatastato per mancanza di finanziamenti, incentivi e fondi.

Il risultato, purtroppo, è che esistono ancora strutture, rivestimenti, facciate e fioriere in amianto, lasciate a se stesse: smaltirle costa troppo. Un passo in avanti è stato compiuto dall'associazione di Legambiente che ha imposto, per tutti i proprietari di immobili costruiti prima del 1992, l'obbligo di dichiarare la presenza di amianto ed eternit.

Come consiglio alla base di una prevenzione intelligente, in sintesi, è importante accertarsi presso la Pubblica Amministrazione che siano state dichiarate tutte le tracce del materiale cancerogeno, in modo da provvedere alla preventiva bonifica e alla messa in sicurezza.

Successivamente ci si può rivolgere all'esperienza di una ditta specializzata nel settore, coma la SAI Ambiente che può agire secondo tutte le norme vigenti, in tutta sicurezza.

Per gli edifici costruiti dopo il 1992, si spera che il pericolo non sussista o sia in gran parte scongiurato, sia per il bene dell'individuo che della società.


Informazioni sull'amianto

Cosa bisogna sapere sull'Asbesto e sull'Eternit

In caso di dubbi o perplessità, prima di intervenire su materiali contenenti amianto è meglio essere informati
Leggi Tutto


SAI Ambiente

La SAI Ambiente è la divisione che da anni garantisce standard di qualità ed eccellenza per la riqualificazione dell'ambiente e del territorio.
Leggi Tutto >>

SAI Services

La SAI Services realizza opere edilizie, come rifacimento o realizzazione di nuove coperture. Inoltre offre l’installazione e noleggio di opere provvisionali.
Leggi Tutto >>

SAI Consulting

La SAI Consulting è la divisione che nasce per focalizzarsi alla valutazione dei rischi relativi all’amianto negli edifici, sulle procedure operative ed amministrative di controllo
Leggi Tutto >>