SAI AMBIENTE - Rimozione amianto

L'amianto è un materiale formato da minerali silicati, ha una consistenza molto fibrosa e, a seguito del deterioramento, si sfalda trasformandosi in piccole fibre che causano infezioni respiratorie o, nei casi peggiori, formazioni tumorali nelle vie respiratorie. La presenza di amianto in un ambiente interno e/o esterno come un casa o un altro edificio desta sicuramente preoccupazione a causa di potenziali rischi per la salute. Allora, è importante sapere come valutare i rischi causati dall'amianto e quali sono gli enti a cui rivolgersi a seconda del caso specifico.

Come valutare il pericolo e i rischi dell'amianto

Non sempre, tuttavia, la presenza di amianto comporta un rischio immediato e concreto per la salute delle persone che occupano abitualmente l'edificio ovvero l'abitazione.

Laddove il materiale sia in buone condizioni e, soprattutto, non venga alterato o manomesso in alcun modo il rischio per la salute è quasi azzerato. In presenza di queste condizioni, infatti, la probabilità che l'amianto rilasci delle fibre è veramente basso.

Ma se l'amianto viene sottoposto a interventi di manutenzione maldestri oppure viene danneggiato da terzi avviene un rilascio di fibre potenzialmente dannoso. In questo caso la probabilità che ci siano rischi per la salute dell'uomo è molto più alta.

Quando l'amianto risulta estremamente danneggiato e le correnti d'aria oppure qualsiasi movimento di persone o macchinari causano un pericolo spostamento delle fibre la probabilità di eventuali rischi crescono.

 

Cosa fare in presenza d'amianto

Il primo passo necessario in queste situazioni è rivolgersi a un responsabile del controllo e della manutenzione. Il professionista deve essere nominato dal proprietario dell'immobile e valutato lo stato dell'amianto presente all'interno dell'edificio determina qual è il rischio che il materiale rilasci delle fibre nell'ambiente mettendo in pericolo la salute di tutte le persone che si trovano nell'area.

Nel caso in cui il responsabile non riesca a giungere a una conclusione è il caso di affidarsi ad aziende specializzate negli interventi di controllo e bonifica come la SAI.

 

A chi rivolgersi per le segnalazioni

Il secondo passaggio, in base alla situazione specifica, richiede di contattare un ente abilitato. I cittadini a conoscenza della presenza di amianto o fibre di questo materiale in un edificio devono contattare l'AUSL e, in particolare, il dipartimento addetto al "Servizio d'Igiene Pubblica". Lo stesso Ufficio deve essere contattato anche dai proprietari d'immobili.

Le aziende invece devono segnalare la presenza di amianto in edifici industriali all'AUSL ma a un dipartimento diverso, il "Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro".

Inoltre, chiunque vedesse materiali in amianto abbandonati nel territorio deve segnalarlo all'ARPA o al Comune di competenza i quali provvederanno in modo tempestivo ad organizzare lo smaltimento dei rifiuti tramite le imprese iscritte all'Albo Nazionale Gestori Ambientali.


Informazioni sull'amianto

Cosa bisogna sapere sull'Asbesto e sull'Eternit

In caso di dubbi o perplessità, prima di intervenire su materiali contenenti amianto è meglio essere informati
Leggi Tutto


SAI Ambiente

La SAI Ambiente è la divisione che da anni garantisce standard di qualità ed eccellenza per la riqualificazione dell'ambiente e del territorio.
Leggi Tutto >>

SAI Services

La SAI Services realizza opere edilizie, come rifacimento o realizzazione di nuove coperture. Inoltre offre l’installazione e noleggio di opere provvisionali.
Leggi Tutto >>

SAI Consulting

La SAI Consulting è la divisione che nasce per focalizzarsi alla valutazione dei rischi relativi all’amianto negli edifici, sulle procedure operative ed amministrative di controllo
Leggi Tutto >>