Valutazione Rischio Amianto Lazio

Non sai a chi rivolgerti per la valutazione rischio amianto Lazio, per lo smaltimento dei rifiuti e per la bonifica di amianto?  Chiama Sai Servizi Ambientali.
Specializzati nella valutazione rischio amianto Lazio e nella rimozione, smaltimento e incapsulamento di materiali pericolosissimi come amianto ed eternit, siamo presenti su tutto il territorio nazionale. Grazie a più di venti anni di esperienza e di professionalità maturata sul campo di lavoro,   siamo in grado di gestire tutte le problematiche inerenti la valutazione rischio amianto Lazio. Ti garantiamo un risultato certo e garantito. IL nostro unico obiettivo è la sicurezza del tuo ambiente.
La chiave del nostro successo consiste nell’affidarsi a un team di comprovata affidabilità e competenza e nel seguire step ben precisi nel corso dello svolgimento dei nostri servizi che sono: ispezioni visive e monitoraggi ambientali, rimozione e smaltimento amianto ed eternit, bonifica e incapsulamento amianto, sostituzione coperture.
Per un preventivo, senza impegno ed assolutamente gratuito, chiama il nostro numero verde dedicato alla valutazione rischio amianto Lazio 800 974265, oppure inviaci una mail compilando il form che trovi a questo link. I nostri responsabili tecnici e commerciali ti contatteranno immediatamente per indicarti le possibilità di azione per la gestione e la valutazione rischio amianto Lazio. Per la gestione e la valutazione rischio amianto Lazio devi affidarti a chi di questo ne ha fatto un mestiere e sa esattamente cosa fare. Affidati a Sai Servizi Ambientali, gli specialisti dell’ambiente.

Valutazione Rischio Amianto Campania

Se cerchi un’impresa che risolva tutti i problemi per la valutazione del rischio amianto Campania, devi rivolgerti a SAI Ambiente, l’azienda esperta per tutto ciò che concerne l’amianto e per la valutazione del rischio amianto Campania e per la bonifica da questo pericolosissimo materiale.
Lavoriamo in base a procedure ben delineate con risultati certi. Per prima cosa effettuiamo l’ispezione visiva, il primo step di analisi per inquadrare la situazione. In questo modo stabiliamo la pericolosità del materiale contenete amianto (M.C.A.). La percentuale di rilascio di fibre verso l’ambiente circostante dipende dalla compattezza e dalla friabilità del M.C.A. e anche da come è conservato. L’analisi di come è conservato è basilare per la valutazione del rischio amianto Campania.
In questa fase dobbiamo esaminare approfonditamente quanto l’ M.C.A sia internamente coeso, lo stato di aderenza,  e l’eventuale presenza di alterazioni superficiali. Una volta terminata questa fase di analisi, occorre esaminare quali siano  i fattori che possono danneggiare ulteriormente la situazione. Infatti i materiali contenenti amianto possono rilasciare fibre anche se esteriormente sembrano integri; in particolar modo se sottoposti al degrado di agenti atmosferici, a infiltrazioni di acqua o di aria.
Infine occorre procedere con il monitoraggio ambientale: misurando la concentrazione di fibre presenti nell’aria con tre distinti campionamenti. In caso di  concentrazione superiore a 20 fibre/litro, con MOCF, o di 2 fibre/litro, con SEM, vuol dire che è in atto  un inquinamento. Chiamaci per un preventivo per la valutazione rischio amianto Campania.

Smaltimento Eternit

Se stai cercando chi è esperto nello smaltimento eternit, contatta noi di SAI Servizi Ambientali. Con una esperienza maturata in più di venti anni di attività nel settore dei servizi ambientali e nello smaltimento eternit e amianto, risolverai una volta per tutte i problemi dovuti alla presenza di eternit e amianto.
Per un mestiere del genere non ci si può improvvisare. Se si vuole garantire un risultato certo e sicuro bisogna rispondere a determinati requisiti e lavorare con professionalità, competenza e determinazione. Occorre lavorare poi seguendo determinate procedure e prendendo tutte le accortezze del caso: pianificare i vari passaggi senza trascurare alcun aspetto.
Ad esempio per prima cosa occorre provvedere all’ispezione visiva, con la quale si riesce ad inquadrare la situazione. Questa fase preliminare è basilare per una opera corretta di smaltimento eternit e amianto. In un secondo momento si deve procedere al campionamento mediante carotaggio, monitoraggio ambientale e mappatura. Inoltre occorre compilare la scheda tecnica per il sopralluogo definitivo.
Quando sono state esaminate e archiviate tutte queste informazioni si può passare alla rimozione  e allo smaltimento eternit e amianto: si smonta il materiale contenente eternit o amianto, lo si imballa e lo si trasferisce a terra per trasferirlo in discarica autorizzata.
E’ evidente che per la bonifica e lo smaltimento eternit e amianto, è necessario seguire nel dettaglio tutte queste procedure senza saltare alcun passaggio. Per la salute di chi è in stretto contatto con l’edificio o lo stabile da bonificare, ma anche di tutta la collettività bisogna fare attenzione a tutto e sapere esattamente ciò che si sta facendo. Contattaci per un preventivo.

Rischio Amianto

L’amianto è un materiale pericolosissimo per l’uomo. Per prevenire il rischio amianto occorre sapere esattamente come riconoscerlo e come deve essere trattato. Per amianto si intende un gruppo di fibre minerali presenti in particolari rocce. L’amianto è resistente al fuoco e agli acidi e si lega con molta facilità al cemento e alle resine. Resistente al calore ha anche una elevata capacità isolante, sia elettrica che termica. Avendo tutte queste capacità fisiche, era utilizzato per la costruzione di edifici e stabili, ma anche di prodotti in fibrocemento, come lastre ondulate, condotte, canalizzazione, guarnizioni e materiali termoisolanti.
Solamente negli anni ’90 si scoprì che era un materiale altamente pericoloso per l’uomo. Le polveri di amianto infatti, se inalate, arrivano fino ai polmoni e l’organismo non riesce più ad espellerle. Quindi anche basse concentrazioni di fibre di amianto possono provocare tumori maligni nella pleura o peritonei oppure carcinoma polmonari. Per questo motivo la lotta al rischio amianto si è fatta sempre più serrata.
Dal 1990 in poi si iniziò a bonificare tutti gli edifici o le costruzioni con i quali erano stati progettati. Per eliminare il rischio amianto e proteggersi in modo efficace occorre sostanzialmente rispettare tre fasi: accertamento, valutazione rischio amianto e pianificazione. E’ necessario esaminare se nell’edificio è presente amianto con operazioni di analisi sui materiali. Quindi bisogna valutare il rischio amianto, riducendolo al minimo nel rispetto delle misure di sicurezza. Per questo tutte le operazioni devono essere pianificate. In questo senso la direttiva CFSL 6503 è alla base nella valutazione del rischio amianto per la pianificazione delle misure di protezione da adottare.

SAI Ambiente

La SAI Ambiente è la divisione che da anni garantisce standard di qualità ed eccellenza per la riqualificazione dell'ambiente e del territorio.
Leggi Tutto >>

SAI Services

La SAI Services realizza opere edilizie, come rifacimento o realizzazione di nuove coperture. Inoltre offre l’installazione e noleggio di opere provvisionali.
Leggi Tutto >>

SAI Consulting

La SAI Consulting è la divisione che nasce per focalizzarsi alla valutazione dei rischi relativi all’amianto negli edifici, sulle procedure operative ed amministrative di controllo
Leggi Tutto >>